• Benvenuti sul sito cantello.it
  • Contattaci: 011 22.66.280

  • Benvenuti sul sito cantello.it
  • Contattaci: 011 22.66.280

Cerca

Resta informato

Segui le nostre sezioni News, Corsi e F.A.Q. e sarai sempre informato sulle ultime novità del settore.

FORSE NON HANNO CAPITO

  • 20/03/2023 07:39:30
  • In: News

Negli ultimi anni si è moltiplicata la voglia e la necessità di difendere la natura.
Sono nate una sacco di attività mirate ad un maggiore rispetto ecologico che utilizzano pero troppo spesso questo mezzo per fare commercio.
Un esempio lo abbiamo visto proprio in questi giorni in questo esercizio.
Sul negozio arredato in modo del tutto minimalistico e quindi piuttosto allettante fa bella mostra di se un'insegna altrettanto esplicita.


Negozio in cui mi aspetto di trovare una serie di prodotti di origine naturale ed amici dell'ambiente.
Invece trovo



una scaffale pieno di bottiglie di ammoniaca un prodotto tra i meno ecologici in assoluto (H314 Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. H331 Tossico se inalato. H335 Può irritare le vie respiratorie. H400 Molto tossico per gli organismi acquatici).
Tra l'altro in etichetta dovrebbe essere presente il simbolo

di pericolo generico molto spesso accompagnato anche da un secondo simbolo.



Simbolo che sta a significare che è un prodotto pericoloso per l'ambiente e gli animali acquatici e quindi non ecologica per nulla.
Questi due simboli possono però possono non essere presenti qualora la concentrazione di ammoniaca sia al di sotto dei limiti di legge.
L'ammoniaca però è già pericolosa con concentrazioni assolutamente ridicole.
Nei primi detersivi prodotti a partire dagli anni 50 l'ammoniaca era presente in quasi tutti i prodotti e gradatamente è poi stata sostituita con altri componenti meno pericolosi ed aggressivi.
Oggi praticamente è sparita da quasi tutti i detersivi.
Purtroppo è ancora largamente utilizzata dalle massaie inebriate dall'odore pungente convinte di utilizzare un prodotto fantastico in grado di pulire ed addirittura disinfettare le loro abitazioni.
Ma tornando a noi forse questo esercizio dovrebbe rivedere la sua politica e certamente cade nel tranello del greenwashing.


<